Questo sito contribuisce alla audience di
  • Seguici su
  • Registrati | Login

    Registrati per conoscere in esclusiva i migliori eventi in città, salvarli tra i preferiti, condividerli con gli amici e giocare, ogni mercoledì, per vincere biglietti per concerti e teatri. Fallo subito!

Evento Dove può andare la mente quando il corpo è prigioniero Biblioteca Umanistica dell'Università di Firenze

Dove può andare la mente quando il corpo è prigioniero

Convegni, Conferenze e Incontri, Convegno

Scaduto

“Dove può andare la mente quando il corpo è prigioniero”: incontro con l’autore di Cimettolafaccia nella Giornata delle persone con disabilitàIl 3 dicembre alle 16 alla Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze la Fondazione il Fiore organizza, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, un incontro con Costanzo Ferraro, ingegnere informatico affetto sin dalla nascita da tetraparesi spastica distonica, a partire dal suo libro autobiografico Cimettolafaccia (Valigie Rosse Edizioni), scritto insieme a Silvia Lavalle. Interventi di Teresa Bonaccorsi, Maria Luisa Chiofalo e Marina Zazo. Moderatrice Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Ingresso libero.

Un’occasione per capire “Dove può andare la mente quando il corpo è prigioniero”, come recita il titolo dell’incontro, a tu per tu con l’autore dell’autobiografia «politicamente scorretta», «senza falsi pietismi» e ricca di lucide e spietate «riflessioni sociali e politiche» di un uomo nato con grave disabilità fisica ma capace poi di andare a vivere lontano dalla città d’origine e laurearsi in informatica.

E’ l’evento che la Fondazione il Fiore di Firenze organizza martedì 3 dicembre, “Giornata internazionale delle persone con disabilità”, alle 16 presso la Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze (piazza Brunelleschi n. 3-4). Un incontro con Costanzo Ferraro, ingegnere informatico residente a San Giuliano Terme affetto sin dalla nascita (a Pian di Sorrento) da tetraparesi spastica distonica, a partire dal suo libro autobiografico ‘Cimettolafaccia’, scritto insieme a Silvia Lavalle e pubblicato nel 2014 nella collana “Gli Asteroidi” della sezione Narrativa di Valigie Rosse Edizioni: una casa editrice focalizzata su poesia, musica, arte marginale (outsider art) e promozione culturale. All’incontro, che si aprirà col saluto di Floriana Tagliabue, direttore della Biblioteca Umanistica, interverranno Teresa Bonaccorsi, dirigente scolastico nell’Istituto Toniolo di Pisa, Maria Luisa Chiofalo, professore associato al Dipartimento di Fisica dell’Università di Pisa e la psichiatra e psicoterapeuta Marina Zazo. Moderatrice Maria Giuseppina Caramella, presidente della Fondazione il Fiore. Ingresso libero.

«Quando nella redazione di Valigie Rosse è arrivato ‘Cimettolafaccia’, presentato come autobiografia di un ingegnere, ha prevalso lo scetticismo – si legge nella scheda del libro -. Letta la prima riga, però, ci si è resi conto che non si trattava di una storia qualunque. Nato nel 1971 a Piano di Sorrento, in seguito ad alcune complicanze del parto, da sempre Costanzo Ferraro convive con una disabilità fisica, ma fin dalla sua nascita, di pari passo con le delusioni e i dolori, scorrono impegno e luce a non finire, che hanno portato Costanzo a diventare un ingegnere informatico. Costanzo racconta una storia che ha dell’incredibile, parla della sua città, della formazione scolastica, le prime cotte, la volontà di fare l’università… ‘Cimettolafaccia’, redatto da Silvia Lavalle, riflette un modo di pensare scientifico e limpidissimo, applicato, con partecipe stridore, non ai numeri, ma all’esigenza interiore di non cedere al male. L’autore, come un burattino tirato da fili impazziti, sa di avere a sua disposizione solamente la sua testa ed è con questa e con una grande intransigenza verso di sé che affronta la sua vita. ‘Cimettolafaccia’ è la storia di un uomo nato asfittico che vuol respirare per dire ciò che pensa, senza cedere ossigeno a pietismi o compassioni, e arrivando al punto di farsi paura da solo nei momenti decisivi della sua vita».

Biblioteca Umanistica dell'Università di Firenze
Indirizzo: Piazza Brunelleschi, 4, Firenze 50121

Telefono: 055 2757811

Fax: 055 2757830

Email: biblet@unifi.it

Sito web: http://www.sba.unifi.it/CMpro-l-s-12.html




Gli eventi non sono organizzati da GoGoFirenze ma sono comunicati alla redazione o recuperati da fonti pubbliche attendibili. GoGoFirenze non è responsabile della correttezza delle informazioni né fornisce informazioni o prenotazioni, se non diversamente specificato.

Dove mangiare qui vicino

Lasciati ispirare