Questo sito contribuisce alla audience di
  • Seguici su
  • Registrati | Login

    Registrati per conoscere in esclusiva i migliori eventi in città, salvarli tra i preferiti, condividerli con gli amici e giocare, ogni mercoledì, per vincere biglietti per concerti e teatri. Fallo subito!

Precari della scuola, presidio a Firenze

Precari della scuola, presidio a Firenze

Martedì 13 Ottobre 2020 Ore 22:01

Firenze, 13 ottobre 2020– La Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha dato il via con un videomessaggio all’edizione online di “Verso Fiera Didacta 2021”, l’evento in streaming di Fiera Didacta Italia.

«La due giorni che si apre oggi – ha dichiarato la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina - ha richiamato oltre 4.000 iscritti, facendo registrare il tutto esaurito. Un segno evidente del bisogno che il personale della scuola ha di affrontare tematiche che sono al centro del dibattito pubblico, ma che sono anche vissute nella quotidianità scolastica. Le giornate di oggi e domani saranno una grande occasione per docenti, dirigenti e personale amministrativo per confrontarsi, seppur a distanza, con altri colleghi e con esperti del mondo dell’istruzione. Il Ministero sarà presente con l’impegno di sempre e con un ruolo primario.
Voglio ringraziare – prosegue la Ministra – il personale della scuola, le famiglie e gli studenti che stanno facendo la loro parte con grande impegno nell’anno scolastico che è cominciato. Come Ministero dell’Istruzione continueremo a mettere in campo tutte le risorse disponibili per sostenere la scuola, per renderla sempre migliore, più moderna e capace di adattarsi alle molteplici sollecitazioni di oggi e domani».

“Azzolina facci uscire dall’imbuto”: è il presidio-flash mob di lavoratrici e lavoratori precari della scuola (organizzato da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals, Gilda Firenze) che si svolgerà domani ‪mercoledì 14 ottobre alle 14:30‬ a Firenze in via Cavour davanti alla Prefettura. Nell’occasione, utilizzando un simbolico imbuto gigante, i partecipanti illustreranno cause e conseguenze del precariato per la scuola italiana. I sindacati chiedono al Governo di rendere stabile il lavoro e sicure le scuole. Nel dettaglio, queste sono le richieste:- stabilizzare tramite prova orale e valutazione di titoli i docenti con tre anni di servizio per garantire in tempi brevi e certi la copertura delle cattedre e la continuità didattica- stabilizzare su sostegno tramite prova orale i docenti specializzati per garantire la continuità didattica agli alunni con disabilità- avviare percorsi abilitanti a regime per tutti e in particolare per i docenti con 3 anni di servizio- No al concorso straordinario previsto a fine ottobre: lo svolgimento in presenza delle prove in piena epidemia esclude tutti i precari in situazione di quarantena in concomitanza della prova e contribuisce ad aumentare il rischio dei contagi.

Cose da fare a Firenze