Questo sito contribuisce alla audience di
  • Seguici su
  • Registrati | Login

    Registrati per conoscere in esclusiva i migliori eventi in città, salvarli tra i preferiti, condividerli con gli amici e giocare, ogni mercoledì, per vincere biglietti per concerti e teatri. Fallo subito!

Evento Mostra di Leonardo Ricci Refettorio di Santa Maria Novella

Mostra di Leonardo Ricci

Arte, Mostra
Piazza Santa Maria Novella, 16 Firenze
Refettorio di Santa Maria Novella

Scaduto

Dal 13 aprile a Firenze una grande mostra celebra Leonardo Ricci, personalità di spicco nel panorama architettonico italiano del Secondo Dopoguerra

LEONARDO RICCI 100

SCRITTURA, PITTURA E ARCHITETTURA:

100 NOTE A MARGINE DELL’ANONIMO DEL XX SECOLO

mostra a cura di Maria Clara Ghia, Ugo Dattilo e Clementina Ricci

Ex-refettorio di Santa Maria Novella (accesso da Piazza della Stazione, 6)

13 aprile 2019 - 26 maggio 2019

La mostra è visitabile nei giorni negli orari di apertura dell'Ex-refettorio di Santa Maria Novella

Il Comitato Nazionale Ricci 100, a conclusione delle celebrazioni per il centenario dalla nascita di Leonardo Ricci, dal 13 aprile al 26 maggio 2019 presenta la mostra LEONARDO RICCI 100. Scrittura, pittura e architettura: 100 note a margine dell’Anonimo del XX secolo, presso l’ex-refettorio di Santa Maria Novella a Firenze.

A quasi un anno dalla conferenza-evento di apertura delle celebrazioni del centenario tenutasi a Firenze l’8 giugno 2018 (ricorrenza della data di nascita), la mostra a cura di Maria Clara Ghia, Ugo Dattilo e Clementina Ricci, presenta l’emblematica figura di Leonardo Ricci, liberandola dagli approcci disciplinari tradizionali, come nel suo stile.

Schizzi di matrice espressionista, quadri dal forte impatto materico, composizioni in mosaico, fotografie d’epoca e modelli architettonici si accostano a disegni, in un collage che permette di fare luce su aspetti del lavoro di Ricci non ancora indagati, attraverso differenti livelli di espressione estetica.

Documenti video e brani di riviste contribuiscono alla lettura di un messaggio poliedrico, tradotto magistralmente dallo stesso Ricci anche attraverso la forma scritta. A guidare il visitatore sono infatti gli stralci di Anonimo del XX Secolo, il libro di respiro esistenzialista che scrisse negli Stati Uniti nel 1957, “non un libro dotto per specializzati ma aperto a tutti”. “Il mio desiderio -scriveva- era quello di trattare alcuni argomenti strettamente connessi alla mia sfera di attività che si svolge principalmente nel campo dell’urbanistica e dell’architettura, ma in maniera non specifica”.

Divisa in sedici sezioni, come i capitoli del libro, la mostra propone un percorso che intreccia le trame delle discipline praticate da Ricci, mimando l’apertura del suo pensiero.

I materiali d’archivio provenienti dello CSAC di Parma, insieme ai lavori inediti conservati nella casa-studio di Monterinaldi, riflettono così le influenze della formazione fiorentina tra la lezione di Giovanni Michelucci e l’Astrattismo Classico; del periodo parigino a contatto con Albert Camus, Jean Paul Sartre e Le Corbusier, per poi culminare con l’esperienza americana.

Il risultato è uno stupefacente quadro della ricchezza della ricerca teorica, della produzione artistica e dell’attività progettuale di Leonardo Ricci scrittore, pittore e architetto.

Questo approccio si traduce in un itinerario di visita non lineare, pensato appositamente dallo studio Eutropia Architettura, che accosta realizzazioni profondamente diverse, con un processo che Ricci definisce “logico”: non una ricerca di giustificazioni a priori, solo il desiderio semplice e incessante di trovare relazioni fra le cose che esistono e stabilirne di nuove.

Refettorio di Santa Maria Novella
Indirizzo: Piazza Santa Maria Novella, 16, Firenze 50123




Gli eventi non sono organizzati da GoGoFirenze ma sono comunicati alla redazione o recuperati da fonti pubbliche attendibili. GoGoFirenze non è responsabile della correttezza delle informazioni né fornisce informazioni o prenotazioni, se non diversamente specificato.

Dove mangiare qui vicino

Lasciati ispirare