Questo sito contribuisce alla audience di
  • Seguici su
  • Registrati | Login

    Registrati per conoscere in esclusiva i migliori eventi in città, salvarli tra i preferiti, condividerli con gli amici e giocare, ogni mercoledì, per vincere biglietti per concerti e teatri. Fallo subito!

Serra Yilmaz

L’attrice icona di Özpetek al Teatro delle Donne martedì 16 aprile

Lunedì 15 Aprile 2019 Ore 21:03

“Questa storia mi ha fatto porre delle domande che non mi ero mai posta. La prostituzione non sparirà mai e, per una donna, prostituirsi non è mai una scelta”: attrice di origine turca e icona di molti film del regista Ferzan Özpetek (“Le fate ignoranti”, “La finestra di fronte”, “Saturno contro”), Serra Yilmaz porta in scena “Griselidis: memorie di una prostituta”, martedì 16 aprile al Teatro Manzoni di Calenzano (ore 21 - Firenze), nell'ambito della stagione del Teatro delle Donne.

Grande successo nei festival e teatri francesi, il testo, adattato dall’attrice della Comédie-Française Coraly Zahonero, narra le memorie della prostituta franco svizzera Griselidis Real, che si impegnò per la legalizzazione della prostituzione in Svizzera e per i diritti delle prostitute francesi. Un argomento di toccante attualità. Griselidis Real è morta di tumore nel 2005 a Ginevra, è stata autrice, pittrice, attivista per i diritti delle prostitute, partecipò anche a un talk show negli USA.

Lo spettacolo illustra, in modo crudo e realista, l’approccio del cliente con una prostituta, la protagonista unisce l’umiliazione della donna a quella dell’uomo in uno spaccato psicologico e umano di raro verismo. Il testo di Coraly Zahonero è tradotto in italiano dalla stessa Serra Yilmaz, che sul palco è affiancata dal sax solista di Stefano Cocco Cantini.

“Questa storia mi ha folgorato per la sua crudezza e la sua poesia – spiega Serra Yilmaz - allevata da una madre fortemente repressiva a cui si ribellò, negli anni ’50 così conformisti, Griselidis ebbe mariti e compagni e ben 4 figli da padri diversi, fu pittrice ma per mantenere sé e i bambini dovette ricorrere al mestiere più antico del mondo, che visse però quasi come una missione: lei annota tutto ciò che le accade, le sue impressioni sui clienti, un modo per porre una distanza psicologica tra sé e il mondo che incontra.
Una realtà con cui bisogna fare i conti. Invece di proibirla e incoraggiare la delinquenza, occorre tutelare i diritti, la sicurezza, la salute di queste donne”.

Regia di Juan Diego Puerta Lopez. Produzione Todi Festival/I due della città del sole S.R.L./Golden Show.

Prevendite online su www.ticketone.it e nei punti vendita dei circuiti Boxoffice Toscana www.boxofficetoscana.it/punti-vendita. Info e prenotazioni tel. 055 8877213 - teatro.donne@libero.it -www.teatrodelledonne.com.

Cose da fare a Firenze